AGORAFOBIA E ATTACCHI DI PANICO

Il contadino, il figlio e l’asino
20/03/2018
4 TRUCCHI PER FAR SVOLGERE I COMPITI AI BAMBINI IN MODO EFFICACE
19/03/2018

Una signora di 46 anni, aveva alle spalle 27 anni di psicoanalisi svolta con tre diversi analisti, senza alcun miglioramento della sua patologia. Da anni assumeva anche farmaci dei quali riferiva di aver provato qualunque combinazione. Il suo quadro sintomatico era quello tipico di una sindrome da agorafobia con attacchi di panico, connotato dalla completa incapacità di allontanarsi anche solo per qualche metro da casa se non accompagnata dal marito, che era il suo protettore reale.

Tuttavia, anche con la protezione del marito non era in grado di avere una vita sociale, perché si temeva di essere stato colto da un attacco di panico in qualsiasi situazione in cui si sentiva anche minimamente costretta o senza l'immediata possibilità di fuga, ad esempio, una cena con amici o un ritrovo per una festa o, semplicemente, andare in un cinema. Come il lettore può ben capire, la coppia svolgeva una vita basata sulla protezione dalla paura e dall'evitare qualsiasi situazione ansiogena.

La signora è caduta in una delle trappole dell'agire più diffusa: l'evitamento! La strategia di evitare ciò che temiamo è il fattore caratterizzante del comportamento fobico. Fernando Pessoa scrive: "Porto addosso le ferite di tutte le battaglie che ho evitato" ... Se da una parte l'evitamento delle situazioni temuta, infatti, ci fa sentire sicuri, dall'altra conferma l'incapacità di affrontare e superare quelle Difficoltà.

Ripetendosi nel tempo, il copione di prevenzione conduce un inasprimento del senso di incapacità e un aumento del timore nei confronti delle situazioni che si cerca di evitare. Quello che dapprima ci aiuta poi ci danneggia conducendoci ad una vera e propria patologia fobica. Ovidio affermava: "Ha ben vissuto chi si è ben nascosto".


COSA FARE?


Evitare di evitare!

Ciò si traduce nell'essere disposti a confrontarsi con la realtà per poi decidere se è il caso di procedere o meno. Solo l'evitamento preventivo è pericoloso! Evitando di evitare si può scoprire di avere più risorse di quanto previsto. Nella signora del nostro caso, questo vuol dire iniziare ad affrontare tutte le situazioni temute, dalla meno ansiogena fino alla più sconvolgente, da sola.

Invece di evitare di andare a una festa, decidere di sondare il proprio limite: vado, quando sento che l'ansia sale, evito di mettermi alla prova e torno a casa. Il giorno dopo farò la stessa cosa sperimentando un altro luogo: vado da sola al supermercato fin quando sento che questo è il mio limite, evito di mettermi alla prova, e torno indietro. Quando avrò percorso tutte le situazioni ritenute a alto rischio ricomincerò dalla prima e andrò a verificare se il mio limite è rimasto lo stesso o è cambiato.

Se il problema è diventato invasivo e non ti permette più di goderti la vita, chiedi aiuto! Il mio approccio ha protocolli creati ad hoc per questa tipologia di difficoltà, che ti permetteranno di uscire in tempi brevi e tornare a essere padrone della tua vita!

[Liberamente tratto da Psicotrappole; Psicosoluzioni - G. Nardone]
Chiama
Mappa